Giugno 29, 2022

COME CAMBIANO LE REGOLE: L’EMERGENZA SANITARIA TRA CAUTELA E FINE EMERGENZA.

2 min read

Dal 1° aprile l’Italia non sarà più un Paese in stato d’emergenza.
Per questo verrà sciolto anche il Comitato tecnico scientifico, nato nei primi mesi di pandemia per prendere importanti decisioni per la lotta al virus. 

Anche per il commissario all’emergenza Francesco Figliuolo sarà tempo di abbandonare il suo ruolo: il compito di monitorare e portare a termine la campagna vaccinale non ancora del tutto conclusa spetterà a una unità operativa fino al 31 dicembre.
Dopodiché le funzioni legate alla lotta al virus passeranno al ministero della Salute. 

La possibilità di effettuare lo smart working rimane fino al 30 giugno 2022. 

Uno dei provvedimenti previsti dal nuovo decreto è anche quello di abbandonare la strategia anti-Covid dei colori per le regioni. I territori non verranno più suddivisi in zona bianca, gialla, arancione e rossa a seconda del livello dei rischi; si terrà comunque conto di quali sono le zone più a rischio e con più numero di ricoveri e decessi.

Secondo quanto confermato dal Consiglio dei ministri, tutti i lavoratori over 50 potranno non avere il Green pass rafforzato, poiché fino al 30 aprile andrà bene anche la forma base del pass sanitario. Dunque, niente più sospensione dal lavoro per i non vaccinati.

Fino al 30 aprile resterà l’obbligo del green pass base, ma dal 1° maggio in poi non sarà più necessario in alcun luogo all’aperto; resterà comunque l’obbligo per i ristoranti al chiuso, le piscine, le palestre, i centri benessere. E ancora per convegni e congressi, centri culturali, centri ricreativi, feste conseguenti a cerimonie civili e religiose, sale a gioco e scommesse.

Il decreto pone anche fine alle quarantene da contatto, resterà l’isolamento solo del singolo caso positivo e ciò permetterà alle scuole di rimuovere totalmente la DAD.

Gli stadi torneranno ad una capienza del 100%, sia per eventi sportivi che per spettacoli che per concerti. 

Fino al 30 aprile resterà, però, l’uso della mascherina ffp2 al chiuso e dai primi di maggio si sta valutando di rimuoverla in tutti i luoghi, tranne i posti dedicati alla salute quali: ospedali, cliniche e farmacie.

Scrittura: Gabriele Di Simone 3F e Arianna Mazzotta 4C

Immagine: Chiara Pierabella 3F

Informazioni: Crizia Ferretti 3F

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.